Image

Cause di angiopatia dei vasi della gamba

L'angiopatia (vasopatia) è un termine comune, ma significa non tanto una malattia come un sintomo, una violazione della regolazione del tono vascolare. L'angiopatia è una conseguenza di un problema più serio, senza rivelare quale, è impossibile portare le navi in ​​uno stato normale. Tuttavia, da solo, questo fenomeno senza un trattamento tempestivo può portare a compromissione cronica della circolazione sanguigna e un significativo deterioramento della salute. Nei casi più gravi, c'è bisogno di amputazione.

Nella diagnosi di angiopatia dei vasi, è originariamente una violazione del sistema capillare - microangiopatia. In futuro, senza prendere misure terapeutiche e preventive, questa condizione può passare a grandi vasi, causando macroangiopatia.

cause di

In primo luogo è l'angiopatia diabetica degli arti inferiori (70% delle diagnosi). Questa è una condizione grave in cui non solo le gambe sono colpite, ma anche la retina degli occhi, i reni. Si verifica a causa della distruzione e della deformazione delle pareti dei vasi sanguigni da eccesso di zucchero nel sangue. Le piccole navi e le grandi navi soffrono, le loro pareti diventano irregolari, si formano depositi di grasso e mucopolisaccaridi all'interno. Il lume si restringe, l'apporto di sangue diminuisce, la nutrizione dei tessuti viene disturbata e per questo motivo muoiono.

L'angiopatia ipertensiva si sviluppa come conseguenza di un aumento cronico pronunciato della pressione sanguigna (superiore a 140/90 mm Hg). Enuncia un cambiamento strutturale nella parete vascolare, coaguli di sangue. Può causare il malfunzionamento di molti organi, vene e arterie, incluse le gambe.

Altre cause di angiopatia includono:

  • cattive abitudini (fumo e alcol) che diluiscono le pareti
    vasi, ridurre il loro tono e violare le proprietà funzionali;
  • malattia vascolare congenita, per esempio, telangiectasia;
  • effetti traumatici;
  • produzione nociva, lavoro con materiali tossici;
  • frequente ipotermia delle gambe;
  • malattie del sangue.

L'ipertensione scomparirà. per 147 rubli!

Primo cardiochirurgo: lanciato il programma di trattamento dell'ipertensione federale! Un nuovo farmaco per l'ipertensione è finanziato dal budget e dai fondi speciali. Quindi da un gocciolamento ad alta pressione un agente gocciolante. Maggiori informazioni >>>

Come si manifesta la lesione vascolare

Le pareti dei vasi sanguigni sono costituite da 3 strati, ognuno dei quali ha una sua funzione. Lo strato esterno è responsabile della forza e dell'elasticità, contiene i capillari che lo alimentano. Lo strato intermedio è responsabile della tensione e della forma, regola il flusso di sangue verso organi e tessuti. Interno: l'endotelio è una barriera che regola la pressione sanguigna, la permeabilità della parete del vaso, impedisce la coagulazione del sangue e la formazione di coaguli di sangue.

La violazione di almeno uno di questi strati porta a vari gradi all'incapacità di tutto il corpo.

A seconda del grado di lesione vascolare, 4 stadi di agniopatia differiscono:

  1. Nessun segno esterno pronunciato, rilevato con un attento esame
  2. Durante il cammino compaiono rapidamente affaticamento, pesantezza e dolore alle gambe;
  3. La stanchezza e il dolore si sentono anche a riposo quando una persona mente. Quando cambi la posizione delle gambe, il dolore si attenua;
  4. Ci sono aree visibili di danno tissutale - ulcere e necrosi. Questa è una fase difficile, difficile da trattare.

I sintomi di angiopatia delle estremità sono direttamente correlati allo stadio della malattia, tra i sintomi più frequenti sono:

  • l'insorgenza senza causa di emorragie sottocutanee, lividi;
  • dolore frequente alle gambe, aggravato quando si cammina. Qualche volta porta alla zoppia;
  • sensazione di freddezza e intorpidimento nei piedi, nei polpacci e nelle gambe anche nel caldo;
  • gonfiore e tinta bluastra;
  • scarsa guarigione delle ferite;
  • convulsioni;
  • peeling della pelle dei piedi,
  • la comparsa di macchie senili, ulcere trofiche.

Come curare i vasi sanguigni

Il successo nel trattamento dei vasi sanguigni dipende dalla diagnosi tempestiva della malattia. Per fare un quadro clinico completo e valutare lo stato delle navi, è necessario condurre una serie di esami:

  • studi sull'hardware - risonanza magnetica dei tessuti, ecografia dei vasi sanguigni con Doppler, arteriografia;
  • test generali, analisi del sangue è necessario per determinare il livello di zucchero.

Potrebbero essere necessari ulteriori metodi diagnostici: elettrocardiogramma, radiografia degli arti in diverse proiezioni, determinazione della pressione arteriosa alla caviglia, capillaroscopia computerizzata, flussimetria laser.

Anche per il trattamento dell'angiopatia degli arti inferiori, è importante stabilire la causa della sua insorgenza. Nell'angiopatia ipertensiva, prima di tutto è necessario raggiungere i normali indicatori della pressione sanguigna.

Quando il diabete è necessario seguire una dieta rigorosa volta a normalizzare i livelli di glucosio. È la terapia insulinica Il ricevimento di preparazioni mediche dovrebbe migliorare la circolazione del sangue, aumentare la forza di vasi capillari.

Trattamenti medici comuni per i vasi sanguigni sono:

  • Trental: accelera la microcircolazione del sangue;
  • Anginine, dialipon - migliora la permeabilità vascolare;
  • carillon - assottiglia il sangue;
  • Quintazol - ripristina la nutrizione delle cellule.

Se lo stato dei vasi sanguigni è irreversibile, il medico prescrive un'operazione intravascolare senza sangue - angioplastica con palloncino. Un conduttore viene introdotto nel recipiente con un palloncino deflazionato microscopicamente all'estremità. Al posto dello spasmo o dell'ostruzione della placca di colesterolo nel pallone viene fornita l'aria, si espande e si ripristina il lume normale della nave. Quindi il conduttore viene rimosso. Questo è un modo abbastanza semplice e veloce per ripristinare il normale apporto di sangue, tuttavia, con tale trattamento, la successiva recidiva di stenosi (vasocostrizione) non è esclusa.

Un metodo moderno per il trattamento dell'angiopatia è la linfodulazione. La procedura migliora la circolazione del sistema circolatorio e il flusso linfatico, riduce il gonfiore, rimuove le tossine e i prodotti metabolici.

I metodi efficaci di trattamento delle prime fasi della malattia comprendono la fangoterapia, la fisioterapia.

Se la malattia viene trascurata e come risultato di vasi occlusi, la necrosi dei tessuti si è sviluppata, è prevista l'amputazione delle aree colpite. Nel caso di avvelenamento del sangue è fatale.

Prevenzione dell'angiopatia

Indipendentemente dalle ragioni, è importante prevenire un ulteriore sviluppo delle lesioni vascolari.

Il complesso di misure preventive volte a ripristinare l'afflusso di sangue e migliorare lo stato della parete vascolare includono:

  • Rifiuto assoluto di cattive abitudini;
  • Perdita di peso;
  • Nutrizione corretta, rifiuto del cibo fritto, salato e affumicato. Nella dieta dovrebbero essere più verdure, cereali, latticini, pesce, latte, carne magra. Rafforzare perfettamente i capillari cipolle e aglio, alghe, melanzane, sedano. L'aglio crudo elimina anche i vasi sanguigni dalle placche di colesterolo, migliora la loro elasticità, assottiglia il sangue;
  • Ridurre il colesterolo e glicemia
  • Attività fisica regolare regolare - camminare, nuotare.

La medicina di erbe è una buona misura preventiva. Per pulire i vasi vengono utilizzati: melissa, achillea, fianchi e biancospino, piantaggine, erba di San Giovanni, salvia e timo.

Come trattare l'angiopatia degli arti inferiori

Ad oggi, la malattia più comune degli organi endocrini è il diabete. Il diabete mellito del secondo tipo merita particolare attenzione. Questa malattia è caratteristica delle persone anziane, è molto rara nei giovani. Angiopatia estremamente pericolosa degli arti inferiori nel diabete mellito, il cui trattamento spesso implica un intervento chirurgico. Il diabete del primo tipo si verifica con la mancanza assoluta di questo ormone. È estremamente importante effettuare un'adeguata selezione della terapia, è necessario convincere il paziente della necessità di rispettare tutte le raccomandazioni mediche. Tali tattiche possono ridurre il rischio di possibili complicazioni più volte. Da qui la difficoltà di trattare il diabete del primo tipo: oggi è quasi impossibile determinare quanto male il paziente sia carente di insulina.

Angiopatia come complicanza del diabete

Una delle complicanze più comuni del diabete mellito è l'angiopatia degli arti inferiori. Secondo la classificazione, è incluso nel gruppo di angiopatie. I vecchi dati letterari hanno sostenuto che questo processo è direttamente correlato alla lesione della parete vascolare. Tuttavia, nuovi studi su questo processo hanno stabilito che le lesioni del piede nei pazienti con diabete mellito hanno un fattore eziopatogenetico e una patogenesi completamente differenti, direttamente associate allo sviluppo della polineuropatia. La distruzione vascolare non supera il 12-15% dei pazienti.

La classificazione include due tipi di angiopatie.

  1. Microangiopatia, in cui sono colpite le piccole arterie, le arteriole. Gli organi bersaglio di questa patologia sono i vasi dei reni e della retina.
  2. Macroangiopatia che colpisce le arterie di un calibro più grande. Vasi coronarici, cervello, arti inferiori sono interessati qui.

Angiopatia di navi degli arti inferiori

Morfologicamente, questa condizione può essere chiamata aterosclerosi, che si sviluppa sullo sfondo del diabete. Tuttavia, a differenza della solita aterosclerosi, l'angiopatia degli arti inferiori con diabete mellito ha alcune peculiarità.

  1. Il costante progresso della malattia, che si verifica con l'aterosclerosi ordinaria. La differenza sta nel fatto che nel diabete mellito la patologia procede più rapidamente.
  2. Natura polisegmentale della lesione. Cioè, ci sono diversi punti focali.
  3. Può verificarsi nei giovani.
  4. Scarsa risposta alla terapia trombolitica standard, somministrazione di statine.

L'aterosclerosi si sviluppa sempre per fasi. In primo luogo, la parete vascolare è compattata, lo stadio successivo è il loro restringimento, che si chiama stenosi. Lo stadio finale può essere completo ostruzione o blocco della nave. Di conseguenza, si sviluppa un'ipossia tissutale grave, il metabolismo e l'omeostasi sono disturbati, il che si manifesta con alcuni sintomi.

La classificazione più completa e generalmente accettata di questa patologia è considerata Fontaine-Leriche-Pokrovsky. Comprende 4 fasi.

Primo stadio

Il paziente non nota alcuna manifestazione clinica. Diagnosticare l'angiopatia in questa fase è possibile solo attraverso l'esame strumentale del paziente.

Secondo stadio

Le farmacie ancora una volta vogliono incassare i diabetici. Esiste una ragionevole droga europea moderna, ma non ne fanno caso. Lo è.

Include la fase 2, 2A, 2B.

  1. Stadio 2. Sintomi come dolore doloroso degli arti inferiori iniziano a manifestarsi, più spesso la gamba inferiore soffre, a volte le cosce. Questi sentimenti di solito insorgono dopo un prolungato sforzo fisico: camminare, correre. Possono essere accompagnati da claudicatio intermittente. Un importante fattore diagnostico di questa fase è che il dolore scompare quando il carico sulle gambe cessa. Tuttavia, la malattia continua il suo costante sviluppo. Va notato che se la polineuropatia è servita come meccanismo scatenante dell'angiopatia, allora il solito quadro clinico, la sindrome del dolore può essere assente. In questo caso, i sintomi includono affaticamento marcato, disagio, che costringono il paziente a ridurre la velocità di deambulazione oa fermarsi del tutto.
  2. La fase 2A comporta lo sviluppo del dolore a una distanza di oltre duecento metri, ma non più di un chilometro.
  3. La fase 2B è caratterizzata dalla comparsa di dolore in meno di 200 metri.

Terzo stadio

Il dolore può manifestarsi anche in uno stato di completo riposo dei pazienti, fino a trovarsi in uno stato di posizione orizzontale. Se la gamba interessata viene abbassata, l'intensità della sindrome del dolore è nettamente ridotta, ma il quadro clinico rimane ancora.

Quarta tappa

Si verifica con ulcere trofiche, lo stadio terminale della malattia è lo sviluppo di cancrena.

L'angiopatia dei vasi degli arti inferiori con ischemia cronica può anche influenzare le arterie poplitea. C'è stato un rapido progresso e aggressività di questa patologia. Nelle fasi successive, l'unico metodo corretto di trattamento è l'amputazione dell'arto interessato, che porta alla disabilità del paziente.

Quadro clinico e diagnosi

Quando il paziente va in ospedale, il medico deve prestare attenzione alla presenza di disturbi, diabete concomitante, nonché a tali manifestazioni cliniche.

  1. Diminuzione o assenza di pulsazione nelle arterie del piede.
  2. Temperatura regionale ridotta. Per la diagnosi differenziale di questa caratteristica è di grande importanza, poiché nell'angiopatia diabetica colpisce spesso una gamba, la temperatura diminuisce lì.
  3. Perdita di capelli sulla gamba o mancanza della stessa.
  4. Grave secchezza della pelle, arrossamento del piede, a volte pronunciato cianosi.
  5. Casi gravi si verificano con la presenza di edema ischemico.

La diagnostica strumentale include l'uso dei seguenti metodi:

  • screening mediante ecografia ordinaria;
  • Ultrasuoni con scansione fronte-retro;
  • per immagini;
  • angiografia dei vasi degli arti inferiori con contrasto, questa tecnica consente di ottenere la massima quantità di informazioni.

In precedenza, ai medici piaceva usare la rhoovasografia, ma a causa del fatto che durante il sondaggio era possibile ottenere un risultato falso positivo abbastanza spesso, il suo uso sfumava sullo sfondo.

trattamento

L'angiopatia degli arti inferiori nel diabete mellito comporta un trattamento complesso, che consiste in diversi passaggi.

  1. La terapia standard di aterosclerosi con l'uso di farmaci trombolitici, antipiastrinici, statine viene effettuata.
  2. Il paziente dovrebbe smettere di fumare completamente.
  3. Anche la glicemia e il metabolismo lipidico dovrebbero essere normali.
  4. Riportare alla normale e successiva stabilizzazione dei numeri di pressione sanguigna.
  5. Combattere il sovrappeso, l'inattività fisica.
  6. L'uso di farmaci vasoattivi che migliorano il benessere del paziente, contribuiscono ad un aumento dell'attività fisica, tuttavia, non hanno praticamente alcun effetto sulla prognosi.
  7. Conduzione della terapia fisica, selezione delle scarpe al paziente. Le misure terapeutiche possono escludere questo passaggio se il paziente ha ulcere trofiche, che devono anche essere trattate.
  8. L'uso di tecniche chirurgiche - operazioni intravascolari, chirurgia di bypass dei vasi interessati, gestione del paziente dopo l'intervento chirurgico.

Affinché la dinamica del trattamento sia positiva, è imperativo influenzare la malattia sottostante. Un tale passo come la normalizzazione del metabolismo di proteine, grassi e carboidrati non solo migliorerà la prognosi riguardante lo sviluppo di angiopatia, ma migliorerà anche le condizioni generali del paziente. Per fare questo, dovresti scegliere una dieta individuale che limiterà la quantità di grassi animali consumati, carboidrati veloci, cibi con un alto indice glicemico.

È necessaria una terapia adeguata per ridurre il glucosio, che consentirà di normalizzare il livello di zucchero, l'emoglobina glicosilata, che è il principale indicatore prognostico di qualsiasi diabetico. Ad oggi, il trattamento chirurgico viene utilizzato molto spesso, che è associato a un gran numero di cancrena umida, che provoca una pronunciata intossicazione del corpo.

Misure preventive

I pazienti che soffrono di qualsiasi tipo di diabete dovrebbero fare ogni sforzo per ritardare l'insorgenza di angiopatia. Va tenuto presente che è quasi impossibile evitare completamente questa patologia, ma è abbastanza realistico rallentarne lo sviluppo. Ciò eviterà la massa di sintomi spiacevoli.

Le misure preventive comprendono l'implementazione di tutte le raccomandazioni mediche per il trattamento del diabete. Non perdere l'assunzione di farmaci ipoglicemizzanti o di insulina, indipendentemente dal loro dosaggio. È importante controllare il peso, seguire le raccomandazioni dietetiche.

Il diabete mellito è spesso definito il "killer silenzioso". Dopotutto, circa il 25% dei pazienti non sospetta lo sviluppo di una grave patologia. Ma il diabete non è più una frase! Il capo diabetologo Alexander Korotkevich ha spiegato come trattare il diabete una volta per tutte. Leggi di più.

A volte diventa necessario usare farmaci che fluidificano il sangue, farmaci che riducono i livelli di colesterolo. Ciò è dovuto al fatto che durante il restringimento del lume delle arterie la trombosi aumenta e gli alti livelli lipidici accelerano il progredire dell'aterosclerosi.

È importante mantenere il normale stato funzionale del fegato, poiché è lei che è responsabile della produzione di glicogeno, in parte per il metabolismo dei lipidi. Se si rispettano tutte le prescrizioni mediche, è possibile ridurre l'aggressività dell'angiopatia già iniziata o ritardarne l'insorgenza. Ciò migliorerà significativamente la qualità della vita dei pazienti.

Come ridurre rapidamente i livelli di zucchero nel sangue per i diabetici?

Le statistiche sull'incidenza del diabete ogni anno stanno diventando più tristi! La Russian Diabetes Association afferma che ogni decimo cittadino del nostro paese ha il diabete. Ma la verità crudele è che non è la malattia stessa a essere spaventosa, ma le sue complicazioni e lo stile di vita a cui conduce.

Impara come sbarazzarti del diabete e migliora sempre le tue condizioni con l'aiuto. Leggi oltre.

Cause, diagnosi e trattamento dell'angiopatia diabetica degli arti inferiori

Recentemente, la più comune malattia endocrinologica è il diabete mellito, che è irto di sviluppo di complicazioni e una chiara diminuzione della qualità della vita. L'angiopatia dei vasi degli arti inferiori, che si sviluppa a seguito della progressione della patologia, è una delle prime a manifestarsi non solo negli anziani, ma anche nei giovani.

Cos'è l'angiopatia diabetica degli arti inferiori

Endotelio - lo strato interno della parete vascolare, che è responsabile della regolazione della pressione sanguigna, delle reazioni infiammatorie, che impedisce la formazione di coaguli di sangue. L'alta glicemia porta alla sua violazione e allo sviluppo di complicazioni.

L'angiopatia diabetica degli arti inferiori è un concetto che caratterizza il danno allo strato endoteliale di piccoli capillari (microangiopatia) o alle arterie e alle vene (macroangiopatia).

Lo sviluppo di angiopatia diabetica porta alla malnutrizione dei tessuti molli degli arti inferiori

Il meccanismo di sviluppo dell'angiopatia diabetica - video

Cause e fattori di rischio per lo sviluppo della malattia

Il diabete mellito è la principale causa di danno alle navi degli arti inferiori. Inoltre, la mancanza di un'adeguata terapia ipoglicemizzante accelera questo processo. Il diradamento degli strati dei vasi con glucosio e dei suoi prodotti metabolici (sorbitolo, fruttosio) porta all'accumulo di fluido nella parete, alla riduzione della velocità del flusso sanguigno e all'aumento della formazione di trombi, poiché l'endotelio è responsabile della regolazione di questi processi. Nel tempo, le piccole navi vengono sclerotizzate e quelle grandi formano una stratificazione aneurismatica. Danni alla parete endoteliale in vasi di grosso calibro portano alla formazione di placche aterosclerotiche e al blocco del loro lume.

La formazione di placche di colesterolo provoca disordini circolatori negli arti inferiori e, di conseguenza, angiopatia diabetica

Sulla base di questo, i fattori di rischio per lo sviluppo delle complicanze vascolari nel diabete sono:

  • predisposizione genetica all'insolvenza delle pareti dei vasi - nel diabete, l'effetto negativo del glucosio accelera i processi distruttivi della parete vascolare;
  • ipertensione: l'ipertensione esercita un carico aggiuntivo sulla parete della nave danneggiata;
  • Disturbi del metabolismo lipidico - con un eccesso di colesterolo nel corpo, iniziano a depositarsi sullo strato interno (endoteliale) del vaso e tappano il suo lume;
  • fumo - nicotina e catrame inoltre comprimono i vasi sanguigni;
  • abuso di alcool - porta ad un aumento della trombosi;
  • età oltre 55 anni;
  • ritmo cardiaco irregolare (aritmico);
  • La durata del diabete è più di 10 anni.

Angiopatia diabetica: commenti specialistici - video

Sintomi di patologia

I sintomi delle complicazioni dipendono dalla gravità dell'angiopatia stessa.

microangiopatia

Nella microangiopatia, ci sono sei gradi di gravità, che differiscono nei sintomi e nelle manifestazioni locali del paziente.

  • il grado zero di microangiopatia non provoca sentimenti spiacevoli nel paziente, ma durante l'esame si osserva pallore della pelle, ridotta o nessuna crescita dei peli sulle gambe, una lucentezza caratteristica della pelle;
  • al primo grado, la pelle diventa più sottile, i pazienti lamentano una sensazione di freddezza alle gambe, dolore durante la deambulazione, le ulcere appena percettibili appaiono senza segni di infiammazione;
  • il secondo grado di microangiopatia nei pazienti è accompagnato dalla formazione di ulcere, che non solo si diffondono ai tessuti molli, ma toccano anche le ossa, e c'è una sindrome del dolore pronunciata;
  • al terzo grado, i bordi delle ulcere e il fondo si spengono, sono necrotici e neri. Allo stesso tempo si formano i flemma, la gamba si gonfia, acquista una tinta bluastra. In alcuni casi, sviluppare osteomielite della gamba;

Ulcere della gamba trofica nel diabete mellito possono ulteriormente portare alla cancrena

macroangiopatia

I disturbi macroangiopatici degli arti inferiori nel diabete hanno un numero di sintomi comuni:

  • intorpidimento, freddezza, pelle d'oca nelle gambe;
  • dolore nei muscoli del polpaccio, che è spesso accompagnato da crampi;
  • cambiamenti nei tessuti molli e atrofia muscolare degli arti inferiori;
  • la formazione di ulcere trofiche a causa di una prolungata esposizione ai prodotti metabolici.

Segni a seconda della fase di macroangiopatia

A seconda dello stadio della macroangiopatia, il paziente nota le seguenti modifiche:

  • 1 - il paziente lamenta freddezza alle gambe con aumento della sudorazione dei piedi, tenuta delle placche ungueali sulle dita dei piedi, dolore e zoppia dopo l'esercizio;
  • 2A - i movimenti del paziente diventano più limitati, tranne che per la sensazione di congelamento delle gambe anche quando fa caldo, si manifesta intorpidimento delle dita, la pelle pallida delle gambe suda pesantemente, e la claudicazione si accelera;
  • 2B - prevale la zoppia costante;
  • 3A - il paziente lamenta forti dolori alle gambe e frequenti crampi a riposo e di notte, la pelle delle gambe diventa gialla, diventa secca e si stacca. Quando scendono i piedi dal letto, diventano blu;
  • 3B - oltre alla sindrome da dolore permanente, appaiono edemi pronunciati, ulcere con tessuti molli necrotizzanti;
  • 4 - si verifica la necrotizzazione del piede e lo sviluppo di un processo infettivo in esso a causa dell'aggiunta di un agente patogeno batterico.

Caratteristiche del piede diabetico

Nelle ultime fasi dello sviluppo della macroangiopatia, si verifica un complesso di cambiamenti, che è chiamato piede diabetico. Si verifica in quasi 2/3 dei pazienti con diabete e il più delle volte porta all'amputazione. Oltre ai cambiamenti caratteristici della macroangiopatia, indurimento e calcificazione profonda delle arterie, anche i processi patologici nelle articolazioni e nei tessuti ossei sono inerenti a questa sindrome.

Per provocare un piede diabetico può:

  • lesione traumatica della pelle (graffi, pettinatura di una puntura d'insetto);
  • la formazione di rugosità;
  • malattie fungine della lamina ungueale;
  • unghia incarnita;
  • cheratinizzazione degli strati della pelle e la loro infezione.

Un paziente a cui è stato diagnosticato il diabete per un lungo periodo deve essere avvertito dalla comparsa di sintomi dai piedi:

  • gonfiore;
  • arrossamento della pelle;
  • mancanza di polso nelle arterie;
  • riduzione della temperatura locale e perdita di capelli sulla superficie esterna (posteriore).

Tutti questi segni possono indicare l'insorgenza della sindrome del piede diabetico.

Sindrome del piede diabetico - Video

Misure diagnostiche

I modi di studiare l'angiopatia diabetica si basano sui meccanismi del suo sviluppo. Per la diagnosi, lo specialista utilizza non solo i dati di ispezione, ma anche ulteriori procedure diagnostiche.

  1. Determinazione degli indicatori di frazione lipidica - colesterolo totale, lipoproteine ​​a bassa e alta densità.
  2. Lo studio del livello di emoglobina glicata - più a lungo la terapia ipoglicemica è inefficace, maggiore è la sua percentuale.
  3. Doppler dei vasi degli arti inferiori - aiuta a valutare la velocità del flusso sanguigno, lo stato delle valvole delle vene e la loro pervietà. Il metodo è usato senza problemi nei pazienti con ulcere trofiche.
  4. Gli ultrasuoni delle arterie delle gambe consentono di determinare lo spessore degli strati delle pareti arteriose e delle loro capacità, identifica i coaguli di sangue e la localizzazione dei processi infiammatori sull'endotelio, la presenza di placche aterosclerotiche, la velocità del flusso sanguigno arterioso e il livello di apporto di sangue ai tessuti molli.

L'arteriografia consente di valutare il grado di permeabilità vascolare.

La formazione di ulcere trofiche è caratteristica del danno a vasi di diversa origine, che devono essere distinti.

Diagnosi differenziale di ulcere trofiche - tabella

Trattamento delle complicanze vascolari nel diabete mellito

Per il successo del trattamento dell'angiopatia diabetica, è necessario iniziare con l'eliminazione della ragione principale - fluttuazioni della glicemia e alti livelli di emoglobina glicata. È necessario aderire alle raccomandazioni per lo stile di vita:

  • alimenti dietetici ad eccezione dei grassi transgenici e dei carboidrati a rapido assorbimento. Mangiare il tipo di "piatti di cibo", dove metà dei prodotti sono verdure, il 25% sono carni magre e un altro 25% sono carboidrati sani;

I piatti diabetici contribuiscono a ridurre la glicemia e il colesterolo totale

Alimenti che dovrebbero essere inclusi nella dieta - galleria

Terapia farmacologica

Nelle fasi iniziali di sviluppo sia di micro- e macroangiopatie, è possibile utilizzare un trattamento conservativo volto ad eliminare i sintomi.

  1. È necessario includere i farmaci che riducono il glucosio nel regime di trattamento, poiché è impossibile ottenere risultati in una diminuzione stabile del glucosio solo attraverso la correzione dello stile di vita e la nutrizione. I più comuni sono Metformin, Diabeton, Amaryl. Il dosaggio dipende da parametri di laboratorio ed è strettamente individuale.
  2. Per la prevenzione di coaguli di sangue utilizzare Cardiomagnyl o Aspirina. I farmaci riducono la capacità delle piastrine di aderire e migliorare le proprietà reologiche del sangue.
  3. Nelle macro-angiopatie, le statine vengono utilizzate per stabilizzare e prevenire la formazione di placche aterosclerotiche - Ators, Rosuvastatina, Lovastatina.
  4. Le fluttuazioni o ipertensione arteriosa devono essere regolate da farmaci antipertensivi - Lisinopril, Equator, Valsartan.
  5. In caso di edema delle estremità, vengono utilizzati diuretici: Torasemide, Veroshpiron, Lasix.
  6. L'angiopatia diabetica ha bisogno di preparazioni per la vasodilatazione - Trental, acido nicotinico, pentossifillina.

Farmaci per l'angiopatia diabetica degli arti inferiori - galleria fotografica

Metodi chirurgici

Al trattamento chirurgico ricorso in caso di ulcerazione. Per il loro trattamento utilizzando una tecnica laser in cui i vasi sanguinanti bruciati. In caso di necrotizzazione dei tessuti molli, viene eseguita la loro escissione.

Le operazioni più moderne e costose includono la ricostruzione delle arterie, che aiuta a ripristinare il flusso sanguigno e la nutrizione dei tessuti.

Nei casi gravi, le amputazioni dell'arto inferiore vengono eseguite a livello della lesione.

Trattamento omeopatico

L'omeopatia è un modo efficace per ritardare lo sviluppo di angiopatia degli arti inferiori. I farmaci non solo riducono la glicemia, ma migliorano anche le condizioni della parete endoteliale. Nel trattamento con tinture alcoliche di Acidum phosphoricum, Uranio, Iris, Bryonia.

Metodi della medicina tradizionale

L'uso di rimedi popolari è possibile solo dopo aver consultato un medico. Il loro uso non dovrebbe sostituire la terapia principale. I metodi di medicina alternativa per il trattamento dell'angiopatia diabetica degli arti inferiori includono:

  • tisane con effetto ipoglicemico - camomilla, tiglio, foglie di mirtillo, salvia;
  • infusi - stimolano perfettamente i baccelli di fagioli del pancreas, i gambi del dente di leone, i semi di lino;
  • bagni alle erbe - riducono il rischio di complicazioni vascolari. Sono preparati da steli e radici di topinambur, trifoglio, radice di erba verde;
  • comprime - aiuta a guarire le ulcere trofiche. A questo scopo, utilizzare foglie e fiori di calendula, ortica secca in una forma schiacciata.

Metodi di preparazione della medicina tradizionale - tabella

Metodi di trattamento popolare - galleria fotografica

Prognosi e complicanze

Un tempestivo trattamento per il medico, un trattamento adeguatamente selezionato, il mantenimento di uno stile di vita sano contribuiranno a raggiungere una remissione stabile della condizione patologica. Altrimenti, la progressione dell'angiopatia e il verificarsi di:

  • cancrena a livello del piede, del polpaccio o della coscia;
  • diminuzione della sensibilità della pelle, che porta a un trauma e alla sua determinazione prematura. Questo può innescare lo sviluppo di un piede diabetico;
  • l'aggiunta di un'infezione batterica e persino di necrosi asettica, che si conclude con l'amputazione dell'arto.

Prevenzione dell'angiopatia diabetica

Al fine di prevenire lo sviluppo di angiopatia nel diabete, il paziente deve:

  • monitorare regolarmente gli indicatori del metabolismo dei carboidrati e dei grassi;
  • visitare l'endocrinologo per valutare le condizioni della pelle e dei tessuti molli degli arti inferiori;
  • condurre uno stile di vita sano e mangiare bene;
  • ogni giorno per eseguire le procedure igieniche del tuo corpo, gestire tempestivamente i graffi con antisettici.

Una componente importante delle misure preventive in un paziente diabetico è la cura dei loro piedi:

  • evitare l'esposizione a temperature troppo alte o basse;
  • indossare scarpe comode e larghe che lasciano entrare aria;
  • pelle ruvida imbrattata di crema grassa con urea;
  • tagliare le unghie esclusivamente ad angolo retto;
  • ispezionare quotidianamente i piedi, in caso di lesioni trattarli con un antisettico;
  • in luoghi con una possibile diffusione di infezioni fungine (saune, piscine, alberghi) usare scarpe usa e getta;
  • In caso di rilevamento di cambiamenti nella pelle del piede, consultare immediatamente un podolog.

Al fine di ritardare lo sviluppo dell'angiopatia diabetica degli arti inferiori, è importante controllare rigorosamente il livello di glucosio nel sangue, il metabolismo dei lipidi, per evitare l'influenza dei fattori di rischio. Per ottenere risultati duraturi, è possibile applicare sia i metodi di trattamento standard sia i rimedi omeopatici e folcloristici che aiuteranno a prevenire la formazione di ulcere e l'amputazione dell'arto.

Angiopatia degli arti inferiori nel diabete mellito: una revisione completa

Da questo articolo imparerai: quali sono le cause dell'angiopatia diabetica degli arti inferiori e del trattamento della malattia. Sintomi tipici, metodi di diagnosi e prevenzione.

L'angiopatia diabetica degli arti inferiori è una complicanza del diabete mellito, in cui vi è una lesione dei vasi sanguigni, dei nervi e della malnutrizione nei tessuti delle gambe.

È impossibile curare un'angiopatia diabetica già formata. Ma è possibile garantire una condizione stabile e prevenire conseguenze invalidanti: cancrena (morte), amputazione delle gambe.

Il risultato del trattamento è in gran parte determinato dallo stadio del processo patologico, dalla disciplina del paziente, dalla tempestività della ricerca di un aiuto medico.

Il trattamento della patologia della fornitura di sangue ai piedi nel diabete mellito viene eseguito contemporaneamente da medici di varie specialità: endocrinologo, neurologo, chirurghi generali e vascolari, cardiologo. Un approccio integrato alla diagnosi e al trattamento della malattia garantisce la conservazione del livello ottimale di salute e qualità della vita per i pazienti con diabete.

L'essenza della patologia

Esistono due tipi di angiopatia diabetica:

  1. Microangiopatia - in cui il letto microcircolatorio e i capillari sono danneggiati.
  2. Macroangiopatia: i disturbi sono localizzati nelle vene e nelle arterie.

Il glucosio eccessivo, presente nel sangue nel diabete mellito, penetra nella parete del vaso. Ciò provoca la distruzione dell'endotelio (la superficie interna delle pareti del vaso), che diventa permeabile allo zucchero. Nell'endotelio, il glucosio viene decomposto in sorbitolo e fruttosio, che si accumulano e attirano i liquidi. Si sviluppano edema e ispessimento del muro.

La violazione dell'integrità della parete vascolare provoca il rilascio di fattori del sistema di coagulazione del sangue (la formazione di microtrombosi). Inoltre, l'endotelio danneggiato non produce un fattore di rilassamento endoteliale, che garantisce l'espansione del lume del vaso.

Violazione della parete vascolare, attivazione della coagulazione e rallentamento del flusso sanguigno: la triade Virchow è un classico segno di angiopatia.

Ciò porta alla carenza di ossigeno di cellule e tessuti, atrofia, edema e attivazione dei fibroblasti. Sintetizzano il tessuto connettivo, causando la sclerosi (incollaggio) dei vasi sanguigni.

Nelle grandi navi, la formazione di placche aterosclerotiche si unisce a questi cambiamenti.

Il ruolo principale nella comparsa del problema è giocato dalla polineuropatia - la sconfitta delle fibre nervose delle gambe. Con il diabete mellito, la concentrazione di glucosio scende nel sangue. Quando scende (ipoglicemia), le cellule nervose hanno fame. Con una quantità eccessiva di zucchero, si formano i radicali liberi, che innescano l'ossidazione cellulare e provocano shock di ossigeno. L'accumulo di sorbitolo e fruttosio porta a gonfiore delle fibre nervose.

Se l'ipertensione viene aggiunta a questo (aumento della pressione sanguigna), si verifica uno spasmo dei capillari che alimentano il tronco nervoso.

La combinazione di questi fattori contribuisce allo sviluppo della fame di ossigeno e alla morte dei processi nervosi. Smettono di trasmettere impulsi nervosi ai tessuti.

Questi disturbi nutrizionali articolari dei tessuti degli arti inferiori sono alla base del meccanismo di insorgenza dell'angiopatia diabetica.

Cause dell'angiopatia diabetica degli arti inferiori

Lo sviluppo dell'angiopatia diabetica si verifica sullo sfondo del diabete mellito del primo o del secondo tipo a causa dell'alto contenuto di glucosio nel sangue e dei salti improvvisi e incontrollati nel livello dello zucchero. Nel diabete di tipo 1, quando l'insulina endogena non viene prodotta affatto, è più facile controllare i livelli glicemici stabili. Con il tipo 2, quando la produzione di insulina nel pancreas è preservata, ma insufficiente, tali picchi sono inevitabili, anche con la stretta osservanza delle raccomandazioni dell'endocrinologo trattante.

I fattori che contribuiscono allo sviluppo delle complicanze vascolari nel diabete sono:

  • insulino-resistenza - insensibilità ai tessuti all'insulina;
  • dislipidemia - aumento delle frazioni lipoproteiche aterogene;
  • obesità - particolarmente viscerale, di tipo maschile, con la deposizione di tessuto adiposo nell'addome e negli organi interni;
  • ipertensione arteriosa;
  • aumentare la coagulazione del sangue;
  • infiammazione sistemica;
  • il fumo;
  • stile di vita sedentario;
  • rischi professionali;
  • predisposizione genetica;
  • età - oltre 45 anni per gli uomini, 55 - per le donne.

La sconfitta di vasi grandi e piccoli può svilupparsi già tre anni dopo l'inizio del diabete. Anche se più spesso si verifica dopo, dopo 10-15 anni. Pertanto, non appena viene stabilita la diagnosi di diabete, è necessario impegnarsi nella prevenzione dell'angiopatia diabetica delle gambe.

Sintomi caratteristici

Segni di disturbi circolatori delle gambe iniziano lentamente. Inizialmente, il paziente potrebbe non avvertire alcun cambiamento.

Clicca sulla foto per ingrandirla

I primi sintomi che vale la pena prestare attenzione includono:

  • intorpidimento ai piedi;
  • piedi freddi;
  • convulsioni;
  • diminuzione o perdita di sensibilità;
  • dolore muscolare ricorrente;
  • rigidità mattutina;
  • "Iniziare" il dolore;
  • gonfiore delle articolazioni, gonfiore delle gambe con stress statico prolungato;
  • pelle secca e traballante;
  • perdita di capelli sulle gambe;
  • sensazione di bruciore;
  • cambiamento e ispessimento delle unghie dei piedi.

Con la progressione della patologia, la claudicatio intermittente, la violazione dell'integrità della pelle, l'apparizione delle ulcere trofiche si uniscono. In questa situazione, non puoi esitare e rimandare una visita a un medico specialista. Sono necessarie misure di emergenza per prevenire l'atrofia e la cancrena.

Nei casi avanzati di diabete mellito si forma un complesso di disturbi patologici: un piede diabetico, costituito da deformità ossee e articolari con cambiamenti nei tessuti molli.

Piede diabetico con lesioni cutanee con ulcere profonde

Nel piede diabetico si sviluppano profonde ferite purulente che penetrano nei tendini e nelle ossa. C'è una possibilità di dislocazione, e c'è anche un'alta probabilità di fratture delle ossa del piede, i piedi sono deformati.

Allo stesso tempo, i vasi degli arti sono sclerosati e calcinati - sindrome di Menkeberg.

diagnostica

Un esame obiettivo per valutare le condizioni della pelle, le unghie, richiede un'attenta ispezione dei piedi, spazi interdigitali. Il medico sonda la pulsazione dei vasi sanguigni, misura la pressione sulle arterie poplitea e femorale, confronta la simmetria degli indicatori. Controlla la temperatura, la sensibilità tattile e vibratoria delle gambe.

Con l'aiuto di test di laboratorio rivelano anomalie biochimiche.

I principali metodi strumentali per diagnosticare e determinare il livello della lesione:

  • angiografia - esame a raggi X dei vasi sanguigni mediante un agente di contrasto;
  • Scansione a colori ad ultrasuoni Doppler - valutazione non invasiva del flusso sanguigno;
  • capillaroscopia video computerizzata;
  • tomografia computerizzata a spirale;
  • imaging a risonanza magnetica;
  • esame del fondo oculare - visualizzazione della circolazione sanguigna del letto microvascolare.

Per completezza del quadro clinico, le consultazioni sono condotte da un endocrinologo, un neurologo, un oculista, un chirurgo vascolare e generale, un cardiologo.

Metodi di trattamento

La principale condizione per il trattamento dell'angiopatia diabetica degli arti inferiori è la normalizzazione del metabolismo dei carboidrati. Senza il rispetto di una dieta, una selezione adeguata di farmaci ipoglicemizzanti e un controllo stretto del glucosio, tutte le altre misure sono inutili e non porteranno al risultato desiderato.

  • smettere di fumare;
  • normalizzare il peso corporeo;
  • controllare la pressione sanguigna.

Terapia conservativa

Il trattamento conservativo è l'uso di farmaci volti a migliorare il flusso sanguigno e i suoi parametri biochimici, il metabolismo nei tessuti.

A questo scopo, i farmaci prescritti nei seguenti gruppi:

  1. Statine - per abbassare il colesterolo e la dislipidemia.
  2. Mezzi contro la pressione alta.
  3. Antiossidanti - effetto benefico sui vasi sanguigni.
  4. Fluidificanti del sangue.
  5. Angioprotectors.
  6. Metaboliki.
  7. Stimolanti nutrienti
  8. Agenti Vasoactive.
  9. Diuretici.
  10. Stimolanti della rigenerazione tissutale.

I farmaci neurotropi, le vitamine del gruppo B, gli antidepressivi sono usati per trattare la polineuropatia.

La scelta dei farmaci viene effettuata individualmente, tenendo conto delle deviazioni identificate.

Trattamento chirurgico

L'intervento chirurgico comporta due obiettivi fondamentalmente diversi: il ripristino dell'afflusso di sangue negli arti inferiori e l'escissione della pelle morta.

Operazioni di riparazione vascolare per l'angiopatia diabetica:

  • tecnica minimamente invasiva - in caso di occlusione dei grandi vasi;
  • interventi endovascolari - con una lesione segmentata;
  • smistamento - con blocco esteso creano un canale artificiale per il passaggio del sangue aggirando i vasi stenotici.

Tali operazioni ripristinano l'afflusso di sangue alle gambe e favoriscono la cicatrizzazione delle ulcere trofiche superficiali.

Simpatectomia lombare - ritaglio - comporta l'intersezione di tronchi simpatici nella regione lombare. Questa procedura chirurgica rimuove il restringimento delle arterie e aumenta il flusso sanguigno nelle gambe.

Il trattamento chirurgico radicale - amputazioni - viene indicato come opzione estrema quando si verificano cambiamenti irreversibili, si verifica necrosi tissutale o cancrena. Il volume di amputazione è determinato in base all'area della zona interessata: dita, parte del piede, gamba.

fisioterapia

La fisioterapia è un metodo ausiliario e ha un effetto sintomatico instabile. Tuttavia, nel complesso, facilita notevolmente le condizioni del paziente.

Il fisioterapista può prescrivere:

  • terapia magnetica;
  • fangoterapia;
  • massaggio;
  • pediluvi

Medicina popolare

Le erbe medicinali nell'angiopatia diabetica degli arti inferiori vengono prese per via orale (tè, infusi) e utilizzate esternamente (bagni, impacchi).

Ricorda: la fitoterapia non può sostituire gli effetti della droga, ma agisce solo come terapia adiuvante.

Gli estratti di erbe stimolano la produzione di insulina, rafforzano i vasi sanguigni e l'immunità, migliorano e stabilizzano i processi metabolici nel corpo.

  1. Tè e caffè sono meglio sostituiti con cicoria e tisane: camomilla, lime, mirtillo, salvia, lilla.
  2. Il dente di leone contiene una sostanza simile all'insulina. Per preparare: prendere 2 cucchiai. l. radici di tarassaco fresche o essiccate, versare 800 ml di acqua bollente, in infusione per una notte. Prendi 10-15 minuti prima dei pasti.

  • Bagni con trifoglio, topinambur, dalle radici di steli bianchi tonificano la pelle, riducono il rischio di sviluppare complicanze di angiopatia diabetica e piede diabetico.
  • I disturbi alimentari delle gambe possono essere trattati con medicazioni a base di erbe e impacchi di olio. Le bende sono costituite da: foglie di calendula fresche, foglie di tiglio e germogli, foglie di ortica essiccate. Le compresse a base di olio non solo guariscono le ulcere, ma ammorbidiscono anche la pelle.
  • Per la preparazione: 400 g di girasole o di olio d'oliva portare lentamente in un piatto di ceramica per far bollire. Aggiungere 50 g di cera d'api, 100 g di abete rosso o resina di pino. Far bollire questa miscela per 5-10 minuti, evitando di bollire vigorosamente. Raffreddare l'olio preparato e tenerlo in una stanza fuori dalla portata della luce solare diretta. Garza impregnata con estratto di olio, applicare sulla ferita per 20-30 minuti al giorno.

    prospettiva

    Complicazioni di angiopatia diabetica, necrosi e avvelenamento del sangue (sepsi) uccidono il 10-15% dei pazienti.

    Il rispetto delle misure preventive salva vite. Forse un completo ripristino dell'afflusso di sangue nelle gambe, se non ancora irreversibile, delle complicanze intravascolari.

    prevenzione

    Il trattamento dell'angiopatia diabetica degli arti inferiori non è sempre efficace, specialmente nelle fasi avanzate. Tuttavia, questa condizione può essere prevenuta.

    Attività volte a prevenire le complicazioni debilitanti del diabete mellito:

    • controllo del glucosio;
    • normalizzazione del peso;
    • attività fisica praticabile;
    • igiene del piede;
    • pedicure medica;
    • comode scarpe ortopediche;
    • rifiuto di cattive abitudini.

    Il rispetto di queste semplici azioni è 2-4 volte più efficace del trattamento farmacologico della patologia sviluppata.

    Trattamento dell'angiopatia diabetica degli arti inferiori

    L'angiopatia è una malattia delle arterie, delle vene e dei capillari. L'angiopatia diabetica è una complicanza comune tra le persone con diabete. Sullo sfondo di questa malattia, capillari e vasi sanguigni si decompongono, si verifica la stasi del sangue.

    classificazione

    Dipende da quali vasi e capillari influenzano la malattia.

    • Nefropatia diabetica (danno renale);
    • Retinopatia diabetica (una complicazione che colpisce gli occhi è caratterizzata da danni ai vasi retinici dell'occhio);
    • Cardiopatia ischemica;
    • Angiopatia diabetica degli arti inferiori;
    • Demenza vascolare (diminuzione delle capacità di pensiero causata dalla riduzione del flusso di sangue al cervello).

    Gruppi di rischio

    Il diabete mellito causa disordini metabolici e ormonali, che sono i fattori scatenanti dello sviluppo dell'angiopatia diabetica. La malattia dipende in gran parte dalle proprietà genetiche e dai tratti di una persona. I pazienti con diabete di tipo 1 e tipo 2 soffrono in modo diverso. Le persone con alta pressione sistolica, abuso di alcool, così come i fumatori e le persone che lavorano in industrie pericolose, sono inclini a angiopatia diabetica. Il 20% dei pazienti con diabete arriva in ospedale a causa di problemi agli arti inferiori, il più delle volte si tratta di un'infezione. Il 50-70% di tutte le amputazioni degli arti inferiori si verifica nei diabetici. Lesioni degli arti inferiori (ulcera, infezioni fungine ricorrenti o paronichia) possono essere il primo segno di diabete.

    * secondo AmericanDiabetesAssociation (American Association of Patients with Diabetes)

    Forme della malattia

    Micro-angiopatia diabetica

    L'angiopatia diabetica è divisa in due tipi: micro e macro-angiopatia:

    • La macro angiopatia colpisce i vasi degli arti inferiori e del cuore. I lipidi e i coaguli di sangue si accumulano nei vasi sanguigni, si attaccano alle loro pareti, bloccando il flusso sanguigno;
    • La microangiopatia danneggia gli occhi e i reni. Le pareti dei piccoli vasi sanguigni diventano deboli, sanguinanti e le proteine ​​perdono.

    Angiopatia ipertensiva

    L'angiopatia ipertensiva si riferisce alla micro-angiopatia. Segni della malattia: dilatazione delle vene del fondo, emorragie petecchiali.

    Angiopatia degli arti inferiori

    Codice ICD10 E11.5 - angiopatia degli arti inferiori nel diabete. È diviso in macro e micro-angiopatia.

    La micro-angiopatia diabetica si sviluppa in più fasi:

    • Allo stadio 1 non ci sono anomalie importanti, ma i sintomi includono alterazione della funzione renale, ipertensione e proteinuria (proteine ​​ad alto peso molecolare nelle urine), difficili da diagnosticare, per assicurarsi che la malattia progredisca, è necessaria una biopsia dei reni;
    • Allo stadio 2, la pelle delle gambe diventa di colore pallido, le gambe sono fredde, compaiono indolenzimenti rossicci indolori;
    • Fase 3: peggiora la condizione delle ulcere, compaiono sintomi di dolore e disagio;
    • Fase 4: macchie nere appaiono nel mezzo delle ulcere (necrosi - tessuto che si spegne), aree intorno alle ulcere si gonfiano, si osservano arrossamenti della pelle, spesso si verifica osteomielite (danni agli elementi ossei e midollari) e si verificano ascessi, ascessi e ascessi;
    • Fase 5: la morte dei tessuti colpisce le aree circostanti;
    • Fase 6: la malattia colpisce l'intero piede (necrosi del piede).

    Anche la macroangiopatia diabetica si sviluppa gradualmente:

    • Fase 1: nessuna anomalia, i sintomi includono aumento dell'affaticamento delle gambe, parestesia marcata (intorpidimento e formicolio). Con una visita medica completa, può essere rilevata l'ipertensione arteriosa e l'aterosclerosi;
    • Fase 2: il paziente si sente costantemente stanco, debole e disagio. Il paziente nota sintomi quali intorpidimento delle gambe e dei piedi, piedi freddi, spesso ghiacciati, sudati. Dita e dita si atrofizzano, appare la claudicatio intermittente;
    • Lo stadio 3 si manifesta sotto forma di forte dolore alle gambe, alle gambe e alle cosce. Il dolore è acuto quando il paziente è in posizione orizzontale e passa quando si modifica la posizione in verticale. Il paziente soffre di crampi, i dolori peggiorano di notte, la pelle delle gambe è pallida, secca, spaccata, traballante;
    • Sintomi stadio 4 manifestato sotto forma di ulcere singole o multiple con segni di necrosi;
    • Fase 5: morendo di dita, cancrena, il paziente ha la febbre, la febbre, brividi.

    sintomi

    Oltre a quanto sopra, altri sintomi includono:

    • Dolori di tiro;
    • Parestesia (disturbo della sensibilità, sensazione di intorpidimento, formicolio);
    • Iperemia della pelle e bruciore (a causa del flusso sanguigno bloccato, le gambe non ricevono abbastanza ossigeno dal sangue, i tessuti e i muscoli si atrofizzano);
    • Dolore alle cosce, alle gambe o ai glutei, che aumenta con la deambulazione, ma migliora con il riposo (claudicatio intermittente - peggio con il peggioramento della malattia);
    • I capelli smettono di crescere sulla pelle delle gambe, diventano rigidi e lucenti (oltre che secchi, c'è un aspetto fessurato);
    • Gonfiore, irritazione, arrossamento e odori di uno o entrambi i piedi;
    • Le unghie dei piedi si addensano, diventano dense, dure, cambiano colore in giallo;
    • La temperatura dei piedi diminuisce, sono freddi, anche d'estate, sudati;
    • La comparsa di ulcere sulle gambe (spesso ulcere si verificano a seguito di tagli o piccole ferite (ma possono verificarsi sul sito di vecchi calli o mais), questi sintomi si verificano a causa del flusso sanguigno bloccato, il sangue si rompe, le ulcere sanguinano, non guariscono, l'infezione si sviluppa).

    diagnostica

    Durante l'esame iniziale, uno specialista valuterà le manifestazioni cliniche dell'angiopatia, tra cui 6 segni:

    • Dolore (a riposo, dolori notturni e zoppia);
    • Mancanza di impulso (nessun impulso alle gambe, impulsi del bicipite femorale forti e tangibili)
    • Poikilothermia (incapacità di compensare le variazioni di temperatura ambiente, marcata diminuzione della temperatura delle gambe);
    • Piedi pallidi;
    • parestesia;
    • Paralisi.

    Il medico prescriverà anche i seguenti test:

    • L'uso della sonda Doppler (scansione colore Doppler) è un test non invasivo per valutare la pressione sistolica e il flusso sanguigno da / verso i vasi;
    • Photoplethysmography - una diagnosi basata su cambiamenti nei riflessi della luce dalla pelle - registri alterata circolazione venosa del sangue;
    • L'arteriografia degli arti inferiori è richiesta nei pazienti sottoposti a ricostruzione vascolare. L'arteriografia viene eseguita sullo sfondo delle ulcere sulle gambe e degli impulsi mancanti del piede;
    • Raggi X (così come angiografia a contrasto) per valutare lo stato vascolare;
    • L'angiografia a risonanza magnetica è utilizzata sperimentalmente per valutare l'angiopatia, ha un chiaro vantaggio a causa della mancanza della necessità di utilizzare il contrasto;
    • Capillaroscopia calcolata - per la diagnosi dei disturbi circolatori;
    • La scansione con radionuclidi mediante pirofosfato può essere utilizzata in aggiunta ai raggi X, l'aumento dell'assorbimento consente di rilevare l'osteomielite nelle fasi iniziali.

    Oltre a tutti i test di cui sopra, il paziente deve passare:

    • Esame del sangue (conteggio completo delle cellule con differenziale, ESR);
    • Analisi delle urine;
    • L'analisi su creatinine in urina, in sangue;
    • Velocità di filtrazione glomerulare;
    • Un esame del sangue per la beta 2 microglobulina (per valutare il danno renale);
    • Profilo lipidico (colesterolo, trigliceridi, LDL, HDL).

    trattamento

    Il trattamento deve eliminare i sintomi della malattia ed è ridotto al mantenimento di un livello ottimale di glucosio nel sangue, migliorando la circolazione sanguigna e la resistenza dei capillari, riducendo i livelli di colesterolo.

    Trattamento farmacologico

    Il trattamento varia a seconda della gravità del processo di infezione e della presenza di infezioni potenzialmente letali come sepsi, mionecrosi, cancrena e osteomielite. Spesso usato:

    • Antibiotici (contro le ulcere infette);
    • Statine (per abbassare il colesterolo - atorvastatite, lovastatina);
    • Preparati metabolici (miglioramento dell'approvvigionamento energetico di tessuti, mildronate, trimetazidina);
    • Farmaci che assottigliano il sangue (aspirina);
    • Angioprotectors (ridurre l'edema vascolare, normalizzare il metabolismo, ditsinon, angina)
    • Farmaci che alleviano il gonfiore (diuretici - furosemide);
    • Antiossidanti e vitamine del gruppo B.